TOP 5 Videogiochi 2015

Anno finito, un bel po' di roba giocata, quindi mi sembra il caso di tirare le somme,.

Oramai sarà un appuntamento annuale, elencherò i 5 migliori giochi che ho giocato quest'anno, con i soliti link ovunque che segnano un po' anche quello di cui ho parlato nel blog quest'anno.














Il 2015 è stato un altro bell'anno per il Gaming dopo un ottimo 2014, ma quali sono stati i titoli che più mi hanno colpito quest'anno?





In quinta posizione troviamo Invisible, Inc., un gioco strategico con enfasi sullo stealth ed esplorazione invece che sull'eliminazione delle forze avversarie. Il gameplay è davvero ben calibrato, anche se l'effetto randomico e roguelike può portare a situazioni estreme. Una droga non da poco col giusto tipo di giocatore, tipo me. Far sopravvivere gli agenti ad ogni missione, raccattando più roba possibile lungo il cammino è risultato essere più divertente di quel che pensassi.




In quarta posizione c'è Undertale, un gioco di ruolo misto ad hell shooter indie, che mi ha colpito particolarmente per i suoi personaggi e storia molto, molto meta, e per la sua soundtrack assolutamente stupenda. È una di quelle gemme da giocare e che vi manderà in WTF.





Sul gradino più basso del podio c'è Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. Questo qui mi ha preso durissimo. Giocato tantissimo, ho prodotto anche uno Spoiler Talk. Non so neanche il perché mi abbia preso così tanto. So solo che non riuscivo a smettere di giocarci. Io sono sempre stato un criticone dei Metal Gear perché erano film con poco gameplay. Questo qui invece è tutto gameplay, poca narrativa. Ed il gameplay è fenomenale. Onestamente per me ha ridefinito gli stealth/action, essendo l'espressione migliore del genere. E poi la storia è piena di bombe che si ripercuotono su tutta la saga. Peccato che sia uscito un po' monco, non finito, ma onestamente non mi ha dato fastidio e ci ho buttato così tante ore sopra che non mi è proprio parso un gioco incompleto o chicchessia alla fine dei conti.




Secondo posto per Starcraft II: Legacy of the Void. Cavolo di 5 anni di attesa per finalmente finire il secondo capitolo con tutte e 3 le espansioni/pezzi. Davvero, davvero bello. Ottima campagna, multiplayer rinnovato nel modo giusto e tante modalità che si apprezzano meglio con amici. Ora tutto il pacchetto Starcraft II è fottutamente denso di contenuti, ma davvero tanto. Multiplayer per ogni esigenza, arcade con ogni tipo di mod e gioco, 3 campagne variegate e divertentissime da giocare e tanta cura in ogni aspetto. Un ottimo lavoro.


In prima posizione c'è lui. Witcher 3. Con un 9,5 in fase di recensione, seguito da un meraviglioso DLC, è un gioco che mi ha saputo prendere davvero bene, come pochi ed infatti ne ho prodotto anche uno Spoiler Talk. È un passo avanti per i giochi open world, con ambienti chiusi ed aperti che coesistono organicamente, senza caricamenti. Con una narrativa forte, da gioco lineare ben inserita nel mondo open world. Con le quest, tutte contestualizzate narrativamente anche se meccanicamente ripetitive. Con un design grafico e stilistico realistico, da dark fantasy. E da fan della saga dello Strigo, avendo letto anche i libri, devo dire che è una degna conclusione.
Bello, enorme, pieno di emozioni, cade solo dal lato gameplay, ma io sono uno che se vede un bel mondo fatto bene ed una bella storia, fanculo il gameplay, specie in un GDR.
CD Projeect Red si dimostra LO sviluppatore dei tempi moderni ed ho già l'acquolina in bocca per Cyberpunk 2077. Il 2016 porterà l'espansione Blood and Wine per Witcher 3, che includerà una nuova macroarea e non vedo l'ora di ributtarmi in questo fantastico mondo.


Il resto dell'anno

E questi sono i primi 5 giochi. Altri che si sono rivelati essere un pelo sotto le mie aspettative e non sono entrati nella top 5 sono: Pillars of Eternity, che si è dimostrato ottimo ma non troppo iconico, Shadowrun Honk Kong, anch'esso un ottimo gioco ma inferiore rispetto a Dragonfall e Fallout 4, che di per se è anche un bel gioco, ma l'edulcorazione degli elementi ruolistici e la berberizia della narrativa e dell'interattività della stessa mi hanno lasciato abbastanza indifferente.

Tra i giochi ai quali non ho avuto tempo di giocare e che mi interessavano metto Just Cause 3, Mario e Luigi Paper Jam, Her Story, Dragon Quest Heroes e Mordheim, ma non credo che nessuno di questi sarebbe entrato in classifica. Altri che sto finendo sono Tales of Zestiria, Assassin's Creed Unity eed altri giochini su Steam, ma anche questi non sono da top 5.

Per altri giochi belli che non sono entrati in classifica direi che Tales from the Borderlands è un'ottima storia interattiva. Un altro gioco che so già essere bello ma che tipo esce su PC tra qualche giorno e che ho giocato su PS4 da amici è Helldivers, che consiglio a tutti gli amanti dei top down shooter.

Per la serie delusioni forti diciamo che Batman Arkham Knight è stata una bella caduta di stile. Non parlo solo dei problemi del port su PC, ma proprio del gioco in se. Non so bene che aspettative avevo a dire il vero, forse un po' di hype c'era.

Per il gioco Multiplayer dell'anno direi che Heroes of the Storm prende prepotentemente la coppa, visto che ci gioco oramai tutti i giorni e per colpa sua ho rallentato il ritmo di gioco per i singleplayer! Non l'ho messo in classifica perché comunque è un cazzo di MOBA.

Ed ora si guarda al 2016, aspettando XCOM 2, Torment Tides of Numenera, Hitman, Dark Souls III, Deus Ex Mankind Divided, l'espansione Blood and Wine di Witcher 3, Divinity Original Sin 2, Squadron 42, No Man's Sky, Total War Warhammer e Fire Emblem Fates. Mica poca roba e direi che queste sono le recensioni che potrete aspettarvi da me l'anno prossimo!

Quali sono stati i vostri giochi del 2015? Ditemelo pure nei commenti!

Stay Classy Internet.

Nessun commento:

Posta un commento