I miei 9 videogiochi preferiti di sempre



L'immagine la vedete al lato del blog. Sono i miei 9 giochi preferiti. A differenza delle altre top, questa sarà mantenuta ed aggiornata mano a mano che i nuovi giochi prenderanno posto in questo mosaico. Però, invece che lasciarla come semplice immagine, ho voluto dare un'argomentazione dietro a questa mia scelta di giochi, andando a spiegare meglio i miei gusti in materia. Premetto che di giochi che mi piacciono tanto ce ne sono a bizzeffe e quando devo decidere tra pochi ho sempre tanti dubbi e tanta roba è rimasta fuori, ai margini, che spinge per entrare in questa top 9.
Non sono in ordine di preferenza.

Mass Effect 2
Il secondo capitolo della saga di Mass Effect è quello che mi ha convinto di più complessivamente tra tutti e tre, ma sono comunque un grande estimatore di tutta la saga ed è possibile raggruppare in questa posizione tutti i capitoli. Il gameplay finalmente prende forma e diventa uno shooter un po' più competente (che raggiunge il suo potenziale nel terzo capitolo) e le meccaniche di RPG legate ad armi e poteri vengono semplificate e virano dall'incrementale puro all'ottimale, rendendo il combattimento più personalizzabile e più ruolistico, per quanto si possano lamentare gli amanti di Excel. La storia si focalizza sul punto di forza della Bioware, cioè i personaggi, che sono tutti (tranne Jacob) fantastici, complessi e polarizzanti. Il finale è epico e grandioso e si basa su scelte non basate su statistiche individuali, ma su veri elementi di ruolo, cosa che ho apprezzato tantissimo. Inoltre il gioco riesce ad integrare una esplorazione più significativa del primo capitolo e ci sono molte quest secondarie tutte diverse e con la loro narrativa che si evolve in missioni che si muovono di pianeta in pianeta.


Witcher 3
Recensito qui  e poi ci ho fatto un articolo Spoiler Talk, non credo serva dire altro. Il gameplay non è il massimo, diciamo che è egregiamente servizievole, ma è tutto il resto che è da oscar e soprattutto i suoi punti di forza sono aspetti ai quali do molta importanza in un videogame gdr: Mondo, personaggi, script, quest principali e secondarie.... Da fan della saga dello strigo, questa è stata una conclusione delle avventure di Geralt fenomenale. Aiutato anche dal fatto che il primo DLC, Hearts of Stone è di altissima qualità ed il secondo, Blood And Wine non è da meno. Il pacchetto completo è un'esperienza fantastica.





Starcraft II
Adoro i giochi di strategia in tempo reale, questo genere oramai morente, tenuto in piedi da pochi baluardi. Starcraft II lascia un ricordo così fulgido, che il suo nome risuonerà per l'eternità. La storia ed i personaggi sono cliché e quasi nonsense a tratti, ma sono doppiati con convinzione rara ed è difficile non affezionarsi a loro nel corso di tre lunghi giochi. Ma il vero gioiello è il gameplay. È un RTS di quelli dove conta sia la capacità di analizzare il campo di battaglia in toto che saper gestire le singole unità. Le tre campagne sono fenomenali, tutte diverse ed ogni missione introduce una trovata unica che si ripeterà raramente, mantenendo un costante effetto novità. Il multiplayer è fantastico, così come le tante modalità aggiuntive, dalla co-op, all'arcade alle sfide. Avrò rigiocato le campagne innumerevoli volte e conto di rifarlo ancora in futuro ed è forse l'unico gioco dove mi sono buttato nel competitivo di squadra con una certa passione e raggiungendo un livello anche soddisfacente. Warcraft 3 è forse l'RTS per il quale il mio effetto nostalgia è più forte, ma Starcraft II è quello sul quale ritorno per le emozioni del gameplay. Il mio Spoiler Talk va più a fondo su cosa ne penso di questo titolo.





Fire Emblem Path of Radiance
Il miglior Fire Emblem secondo i miei gusti. Quando scoprii l'esistenza di questo gioco gli occhi mi si illuminarono: finalmente avrei potuto godere del 3D, di animazioni fighe, finalmente la saga si sarebbe elevata ancora di più dal suo stadio di gioco per GBA. Purtroppo la parte tecnica non faceva gridare al miracolo, forse per il budget bassino, ma tutto il resto era fantastico. I personaggi principali erano tutti fighi, così come tutti i comprimari. Le relazioni che si formavano con i supporti erano profonde a tratti, la progressione della storia e dei livelli era giusta: difficile, impegnativa ma mai troppo facile o troppo ingiusta. La storia poi era magnifica con un intrigo di potere misto ad odio razziale che porta i protagonisti in contatto con molti regni in tutto il mondo. Anche la maturità del tutto era abbastanza elevata, andando a toccare temi anche pesantucci rispetto ai capitoli passati.

Final Fantasy IX
Davvero un bel gioco per PS1. È stato il mio primo Final Fantasy e dopo tanti anni, rigiocandolo, non ha perso una goccia del suo fascino. Mentre FFVII e VIII sono diventati pesanti e quasi insopportabili per il me di oggi, FFIX è solo migliorato. I personaggi sono complessi al punto giusto da avere letture semplici per il me giovane e più approfondite per il me adulto. La storia rimane interessante e si evolve parecchio dall'inizio fino alla fine, cambiando sempre focus. C'è senso dell'esplorazione, della meraviglia, della scoperta. C'è la magia, c'è la tecnologia, c'è l'humor, c'è la tristezza, la violenza. C'è un protagonista principale che non è una palla al piede sentimentale. C'è tanto amore nel suo confezionamento. Ed una traduzione italiana di come non se ne sono mai viste.


Borderlands 2
A me piacciono gli sparatutto. Piacciono le cose che esplodono. Piacciono i meme. Piacciono i cattivi con personalità esuberante e pungente. Piacciono i giochi che se scavi sotto la loro copertina trovi cose che ti sorprendono. Mi piace giocare in cooperativa con amici. Borderlands 2 è tutto questo.
Non mi ci sono ammazzato duro come qualche altro amico ha fatto, ma ne ho apprezzato ogni momento. Ed un gioco dove puoi avere un fucile a pompa che spara spade che esplodono al contatto con il nemico e dall'esplosione partono altre due spade rotanti che esplodono a loro volta... beh come non amarlo?




XCOM 2
I giochi alla X-COM mi piacciono un casino. Ma li ho sempre trovati un po' ottusi da giocare, con le loro interfacce degne di un sottomarino e contro intuitività generale. XCOM Enemy Unknown fu la mia droga ed ora c'è XCOM 2 che lo migliora sotto ogni aspetto. Recensito, Spoilertalkato, non mi sto a ripetere, troppo, vi dico solo che lo reputo uno dei migliori strategici a turni sul mercato ed un ottimo esempio di narrativa emergente, dimostrazione del potere che hanno i videogiochi rispetto agli altri media.








Shadowrun Returns: Dragonfall
Non so neanche io perché questo gioco è riuscito in breve tempo a scalare la mia classifica e trovarsi qui. È l'unione di generi che mi piacciono, con un approccio RPG alla crescita del personaggio, su un telaio di combattimento a turni strategico ed una gestione delle parti non in battaglia come un'avventura grafica,,,,
La verità è che ho scoperto veramente con questa saga quanto cazzo mi piace il setting di Shadowrun, dove magia e tecnologia si incontrano in un futuro distopico, aperto ad ogni possibile storia immaginabile. La Director's Cut è stata una bella sorpresa che ha migliorato ancora il gioco. Storia e personaggi fantastici sono riusciti davvero a coinvolgermi ed è una delle esperienze che ricordo con più gioia.



Ace Attorney
Qui ci mettiamo un po' tutta la saga, anche se ho messo come immagine una di Dual Destinies per il 3DS. Risolvere casi degni di CSI con il proprio cervello è grandioso ed i personaggi sono tutti ben caratterizzati e memorabili. Il gioco riesce a dare un turbinio di emozioni diverse ed ad essere indimenticabile. Se potessi dimenticarmi di un gioco per rifarlo da capo senza alcuna conoscenza per riviverli a pieno, sarebbe la saga di Ace Attorney senza dubbio.






Tirando le somme abbiamo 3 Orientali e 6 Occidentali, 1 indie e 8 tripla A, 4 RPG, 3 tattici/strategici, 1 avventura grafica ed 1 FPS, di case abbastanza diverse, visto che abbiamo Bioware, CD Project, Blizzard, Intelligent System, Square Enix, Gearbox, Firaxis, Harebrained e Capcom.

Stay Classy, Internet

Nessun commento:

Posta un commento