Avengers: Age of Ultron - Recensione


Recensione scritta a caldissimo, dopo essere rientrato dalla nottata folle con il gruppo al completo di NerdScrew. Discussioni accese, impressioni più volte confrontate, e soprattutto tanto divertimento in gruppo.

Tagliamo subito la testa al toro: il film è SPETTACOLOSISSIMO, consigliato a tutti.
Il miglior film della Marvel? Sicuramente no, Winter Soldier sta ancora in cima, ma questo è quanto di più 1:1 possa esistere ad oggi per un fumetto trasformato in lungometraggio. È davvero un evento Marvel passato da tavola a film.

Dopo il salto, tutti i dettagli.

Joss Whedon nel passato ha sempre criticato un po' Avengers, da lui diretto. Era un po' imperfetto, c'erano molte cose che non andavano e avrebbe potuto fare di più. Con Age of Ultron sembra voler mettere una pezza a quasi tutto quello che non andava nel primo.

Più momenti per i personaggi, tono molto più adulto, più spettacolarità e scene d'azione, più slow motion usato sapientemente per richiamare le spash page da fumetto. Malgrado la solita quantità di battutine che pervadono tutti i personaggi non si respira un'atmosfera felice, non si guarda al futuro con la speranza di vincere. La battaglia è sofferta dall'inizio alla fine e questo rende tutto lo svolgersi del film una grande conquista per tutti i personaggi coinvolti, ed anche per il pubblico, che va ad identificarsi con tutti i personaggi, in diversi modi in base alle proprie inclinazioni.

Non abbiamo un Batman senza emozioni, ma in pieno stile casa delle idee, un cast di personaggi con caratteri estremamente diversi, complessati e fallibili, con le loro paure esposte.

Ora, detto questo, non è sicuramente un film pensato per porre domande o far riflettere, ma è bello vedere come Whedon sia riuscito ad inserire più momenti personaggio in questo film rispetto al primo e a farci comunque stare tutto il resto.

Ed a questo giro, non è tutto un Tony Stark e basta. Finalmente si portano alla ribalta un po' tutti gli altri ognuno con un suo arco narrativo personale, con Occhio di Falco che finalmente spicca dal suo ruolo di insignificante sparafrecce. Quando lessi in giro prime review che facevano notare come il personaggio Hawkeye fosse il migliore del film quasi non ci volevo credere ed invece... avevano ragione, anche se praticamente tutto il cast si mette in mostra, e che cast. Non ci sono solo i protagonisti, ma tantissime comparse di personaggi più o meno famosi da tutti i film della Marvel, che faranno la gioia di chi è investito nella continuity Marvel.

Il grande successo ed il grande problema di Age Of Ultron è da ricercare nello stesso elemento. Come ho accennato in apertura, il film è quanto di più fedele ad un fumetto possa essere un cinecomic. Se nei precedenti film della Marvel, i supereroi erano più un modo per portare a schermo un qualcosa di qualche altro genere, basti pensare a Winter Soldier che è una spy/conspiracy story, Guardiani della Galassia che è un puro sci-fi e così via, in questo caso ci troviamo prettamente di fronte ad un vero fumetto.

Quindi trama e comportamenti dei protagonisti che appaiono semplicistici ed un po' senza un vero senso, ma con il tutto che fluisce in modo impeccabile dall'inizio alla fine, senza farvi fermare a farvi delle domande che porterebbero al naturale indebolimento della storia.
Ovviamente sto semplificando non poco la questione, però posso dire che il grado di godimento di Age of Ultron è direttamente proporzionale a quanto considerate i film separati o meno dal fumetto e quanto siete affezionati agli albi classici della Marvel. Per me sono meglio del porno, quindi ho adorato Age of Ultron e non vedo l'ora di rivedermelo in DVD in inglese per gustare la recitazione originale, che per quanto sia decente, il doppiaggio italiano non riesce a beccare bene Rober Downey Jr, James Spader e J.A.R.V.I.S.

Allora, quindi, ricapitolando, il film è un'ottimo equilibrio di "momenti personaggio", scene d'azione davvero ben realizzate e spettacolari e con un tono serio ed un buon ritmo, che parte alto e finisce ancora più alto, con una fase centrale che alterna bene momenti più calmi e di dialogo con scene di azione più brevi. Ci si diverte molto e si inizia a pensare ancora più in grande per tutto il marvel cinematic universe che verrà.

Voto? Consigliatissimo. Però dopo non vi rimarrà molto a meno che non siete dei fanatici della Marvel e di quello che sta mettendo in piedi nell'universo cinematografico. Ma passerete dei bellissimi 142 minuti.

Ora vorrei parlarvi un po' più nel dettaglio di alcune scene, parti, momenti e via dicendo, quindi se volevate una recensione senza spoiler, l'avete appena avuta. Ora passo alla parte un po' più blogghistica dove parlo un po' di più nel dettaglio, quindi seguite solo se interessati da questo punto in poi, SPOILERS DA QUI IN POI.

La scena più epica


Il film ha la battaglia finale molto lunga e piena di momenti fighi ben intervallati tra di loro con momenti più calmi. Ma la scena o comunque sequenza di scene che vince è il combattimento tra Hulkbuster e Hulk. Semplicemente distruttiva, con Tony Stark in "difficoltà" nel contenere il mostro verde, esplode tutto intorno a loro, volano cazzotti e battute e la concezione stessa dell'hulkbuster è fantastica: funziona come la Mark XLII, ovvero vola contro Iron man e lo ricopre in volo ed inoltre una stazione volante rifornisce sempre al volo pezzi di ricambio se necessari.
La scena inoltre culmina con un rimando ad un momento molto WTF del primo Avenger, quando Hulk da un pugno a Thor dopo aver atterrato un serpentone dei Chitauri. Davvero ben fatta e mette in scena un ottimo livello di distruzione.

La scena più brutta

Non ho la più pallida idea perché una scena del genere sia stata messa. Durante la battaglia finale un'auto con a bordo una donna sta precipitando nel vuoto dopo che Cap ha fallito per prenderla. Thor si precipita nel soccorrerla.... eh l'effetto green screen è fatto un po' da culo, i capelli di Thor e della donna non si muovono proprio in modo naturale....... scena molto superflua e proprio... BLEAH.
Stona particolarmente perché prima e dopo invece è un porno di effetti speciali di ogni tipo... WHY WHEDON, WHY?

Il momento più WTF

Il primo momento più WTF è stata la rivelazione di Hawkeye come una persona che non si sa come non ha solo la sua vita da agente, ma è un po' tutto. Poi sul finale il film ci fa la mossa Whedon solita.
Ci ammazza qualcuno.
Quicksilver ci abbandona mentre salva Hawkeye ed un bambino, crivellato da una minigun. Bruttissimo..........
Ed uno dei personaggi appena introdotti se ne va..... tornerà mai in vita come per Coulson?

La sorpresa

Hawkeye. Davvero è stato fatto un ottimo lavoro su di lui ed è l'unico personaggio "normale" a vociare l'assurdità della cosa. "stiamo lottando contro un esercito di robot. Ed io ho arco e frecce. Non ha senso", qualcosa del genere.
Come sorpresa metto anche il discorso finale tra Visione e Ultron, preso non dico identico come parole, ma estremamente vicino per tematiche a quelli dei fumetti. Fantastico.
Visione anche, merita tantissimo, ottimo design.

La mancanza

Lo SHIELD è morto..... ma a dire il vero stando alla serie TV no. Cioè, che stanno facendo loro, a nascondino da solo ignorando il resto? Sconnessione tra la serie TV ed i film stonano un pochino onestamente.

Il cattivo


Ultron è stato... particolare. Per metà Ultron dei fumetti e per metà una nuova cosa. Il risultato è.... ottimo, ma peggio di quel che mi sarei aspettato. Purtroppo la voce italiana di Stefano Alessandroni non ci azzecca una mazza con quella di Spader e quindi Ultron forse suona un po' meno minaccioso di quanto non lo sia in realtà, ma questa è una questioen che valuterò poi.
Ultron mischia un'intelligenza sovrumana con l'impulsività di un bambino, facendolo reagire troppo emotivamente ad alcune cose, cosa molto distaccata dal suo comportamento solito nei fumetti dove è un freddo calcolatore.
Inoltre non incute mai vero timore e non è mai una vera minaccia per gli Avengers, quella che fa più danni è Wanda sconquassando la testa di tutti quanti.
Molto bello il tocco di classe dove malgrado sia ricoperto di vibranio, la scocca sotto rimane di materiale debole ed è quella a cedere ai colpi, esattamente come i primo modelli di Ultron, che avevano le giunzioni molli per permettere il movimento.
Purtroppo non siamo di fronte ad un Loki 2. Quantomeno è un cattivo che sorprende sempre perché non si sa mai come possa reagire nei dialoghi, anche se il suo piano è molto diretto, scenico e teatrale, che in effetti mette molto in risalto questa sua dualità d'animo.

Il finale e considerazioni sul futuro dell'universo cinematografico Marvel

Nel finale vediamo ancora una volta gli Avengers che si separano. Iron man si prende una pausa da tutto ciò dopo il casino che ha creato. Hulk decide di sparire ed andarsi a nascondere un'altra volta. Thor funge da spiegone sulle gemme dell'infinito e va in giro a cercare info.
Cap e Natasha formano i New Avengers, composti da War Machine, Wanda, Falco, Visione e loro due.
Con Nick Fury ritornato di nuovo alla ribalta in questa nuova base per gli Avengers....
E poi la scena dopo i titoli di coda con Thanos che indossa il guanto dell'infinito dicendo: faccio da solo.

Quindi le cose dove stanno andando a parare? Già in questo film le differenze di vedute tra Cap ed Iron si sono viste e sono state discusse e non aspettano altro che esplodere. Ma lo SHIELD della serie TV? Cosa succederà a loro? Verranno incorporati in questi nuovi vendicatori e roba simile? Perché ad ora la coesistenza di tutti questi elementi cozza violentissimamente e sono curiosissimo di vedere come finirà la seconda stagione di Agents of Shield, soprattutto in vista di uno spin off dove probabilmente si vedranno addestrati nuovi potenziati in linea poi con andare verso la Civil War.

Contento che finalmente le gemme dell'infinito sono uscite alla ribalta e si incomincia a puzzare Thanos già da ora. Perché non è già il 2019?


Stay Classy, Internet.


2 commenti: