Giochi Fuori Dal Radar - Xenonauts

Il 30 maggio sarà un gran giorno. Un giorno importante per il gaming che vedrà una nuova stella risorgere.

E no, non sto parlando di Mario Kart 8 e della WiiU. Ma di un altro gioco da un'altra parte, che ha la stessa data d'uscita, ma che nessuno si caga.

Xenonauts, un rifacimento ai giorni nostri con i suoi twist personali del leggendario gioco strategico
X-COM (quello col trattino).


E lasciatemelo dire: è un gran gioco. Ma prima, un po' di storia....

X-COM: Ufo Defence per gli Americani e UFO: Enemy Unknown per noi Europei sono giochi strategici di 20 anni fa nati dalla mente di Julian Gollop, ma che sono riusciti (si lo so, ne parlo al plurale anche se è uno solo con due nomi) a lasciare un marchio nel mondo videoludico PCista che non è stato colmato veramente da nessuno, ma ci siamo dovuti accontentare di rimpiazzi e re immaginazioni varie che non sono mai arrivate allo stesso apice.

X-COM è un gioco dalla premessa semplice ma accattivante e degna di ogni fantasia nerd fantascientifica che si rispetti. La Terra è attaccata da alieni che non decidono di disintegrarci dall'orbita con le loro astronavi, ma usano una forza di invasione planetaria. Voi siete a capo dell'organizzazione che difenderà il pianeta da questa minaccia, con ogni mezzo necessario.
Purtroppo, anche a dispetto di questa premessa, le vostre risorse sono sempre un po' risicate. Uno si aspetterebbe che tutto il mondo vi riempisse di soldi, invece no.
Visuale di base, X-COM:UD
Il gioco si divide in 3 fasi, tutte interconnesse tra di loro.

La prima fase è quella gestionale.
Si devono costruire basi in giro per il mondo, assegnare scienziati a vari progetti di ricerca, reclutare uomini, allenarli, equipaggiarli, dotarsi di caccia, spendere saggiamente le limitate risorse aliene, decidere dove e con cosa intervenire.


Geoscape, XCOM:EU
La seconda fase è quella chiamata del "geoscape". Si ha sott'occhio l'intero globo terrestre e si devono intercettare gli UFO avversari mandandogli contro caccia. Dapprima caccia normali e poi sempre roba più avanzata retroingegnerizzata dalle tecnologie aliene.



Combattimento di UFO:aftermath


La terza fase è quella tattica di battaglia. Dopo che i vostri uomini hanno raggiunto una zona di un atterraggio o di uno schianto, sta a voi guidarli con un sistema a turni, contro le forze nettamente superiori degli alieni.
Ogni morto è morto. Non ci sono piume di fenice qui, ma solo il vostro acume tattico, superiorità tecnologica e possibile aggiramento dell'IA vi porteranno alla vittoria.

Negli anni ne abbiamo visti tanti. La Serie UFO con aftermath, aftershock e afterlife portano un combattimento in turni liberi con pausa tattica e tante variabili nuove con ogni capitolo, i progetti free come UFO alien invasion danno spin diversi su background e ambientazione, il reboot XCOM: Enemy Unknown stravolge molte delle convenzioni del gioco fino a diventare una bestia diversa (ma non per questo meno divertente). Gollop stesso butta fuori roba come Rebelstar: Tactical Command su GBA che è un xcom a tutti gli effetti...


Descrizione della Xenopedia del vostro primo caccia
Ma nessuno si è mai avvicinato a dare uno spin così personale, distinto e allo stesso tempo rievocativo dell'originale come Xenonauts della Goldhawk Interactive. Il gioco è da parecchio tempo in Steam Early access. Doveva uscire addirittura nel 2012, ma hanno avuto non pochi problemi dopo il loro kickstarter a causa di un paio di persone che hanno lasciato il team di sviluppo e di una scelta pessima del motore di gioco sul quale programmare, fatta dai membri che hanno lasciato, ma oramai in fase troppo avanzata per ricominciare da zero.

Ora siamo in dirittura d'arrivo e speriamo che la data del 30 maggio sia rispettata.

Lo spin personale del gioco alla tematica è quella del background: guerra fredda. L'invasione aliena arriva nel bel mezzo della guerra fredda e quindi un'organizzazione come quella degli Xenonauti è qualcosa di molto sospettoso e difficile da raggiungere, ricevendo fondi da entrambe le superpotenze coinvolte e quindi si spiega per certi versi la diffidenza generale in un progetto come questo.

Lo sfondo del periodo storico da anche un grandissimo impatto psicologico alla disparità tecnologica tra alieni e umani. Siamo in un mondo senza satelliti ovunque, senza computer ovunque e senza internet. Che dovrà crescere e difendersi dalla minaccia aliena.

Aiuta in questo una xenopedia scritta in modo molto competente, che illustra bene molte delle tecnologie, autopsie aliene e il cambiamento tecnologico che avviene nel tempo.
Alcune parti un po' più tecniche sono state scritte anche con l'aiuto di ingegneri e fisici (tutti utenti dei forum) per renderle il più plausibile possibile, pur rimanendo nel reame dello sci-fi.

Combattimento aereo
Altro elemento unico del gioco è il sistema di battaglia aereo. Invece di vedere un aereo sparare incessantemente su una nave aliena in modo automatico, è stato inserito un altro scenario di battaglia. Questo è in tempo reale con pausa tattica e metterà contro il vostro squadrone di caccia contro le varie formazioni aliene.
Il senso di vittoria quando i vostri minuti caccia riescono a suon di missili e cannoni ad abbattere una nave gigantesca è molto gratificante, così come perderli tutti per un sbagliato tempismo di lancio dei missili o per una schivata mal calcolata vi porterà sconforto e potrebbe anche farvi perdere la guerra.

Il concetto di superiorità aerea in questo gioco è estremamente importante, più che in ogni altro X-COM che io abbia mai giocato e richiede un ruolo attivo dal giocatore. E mi piace molto.

Il lato tattico a terra invece è fondamentalmente identico al vecchio X-COM. Avrete i vostri soldati, in numero elevato. Niente perk, niente classi, solo le loro varie statistiche che ne influenzeranno capacità di carico, mira e via discorrendo e l'equipaggiamento che deciderete voi di dargli. Avrete bisogno di cariche esplosive e scudi antisommossa per entrare in un ufo e uscirne sani, cecchini per coprirvi il culo mentre avanzate, qualcuno con armi stordenti per catturare quei dannati alieni e qualche redshirt da sacrificare per mantenere i vostri uomini più esperti vivi.

Gli Xenonauti contro un alieno
Ci sono meccaniche di nebbia di guerra, di fuoco di soppressione, di carico dell'equipaggiamento, di diverse categorie di armi, di mitigazione danni variabile (più le vostre armature vengono colpite, meno proteggeranno da colpi successivi) ed ogni tipologia di alieno ha la sua IA, con abilità e debolezze diverse, necessitando di un approccio variegato e pronto a tutto sul campo di battaglia.
Il livello di complessità che si respira è nettamente superiore a quello di XCOM:EU ed è il linea con l'X-COM originale.

Dimenticate i cecchini con squadsight, dimenticate missioni di terrore con 4 gatti, qui si combatte davvero e la battaglia è brutale.
Il senso di progressione è forte, c'è tanta roba da leggere ben scritta e tradotta in italiano, ci sono mod che migliorano ancora il gioco e la grafica è semplice e forse un po' grezza, ma è ok e richiama molto quella degli x-com storici.

E così si, io sto aspettando il 30 maggio, non per Mario Kart 8, ma per questa perla di gioco.


Stay Classy, Internet.



2 commenti:

  1. Lo devo ammettere: non ne ero assolutamente a conoscenza XD!

    RispondiElimina
  2. Se va nella categoria fuori dal radar o "chenessunosicaga" che dir si voglia scelgo roba apposta!

    RispondiElimina