Mass Effect Andromeda - Prime Impressioni

Ebbene si, ho ceduto. Al prezzo di 4€ mi sono iscritto ad un mese di Origin Access su Origin per poter provare per 10 ore Mass Effect Andromeda.

E dopo essere arrivato al punto oltre il quale non posso andare con la storia....... voglio continuare o no?


Allora, partiamo subito con la cosa che mi ha deluso di più: Il codex non è doppiato. Ricordo ancora il dolore di quando ho scoperto la cosa.

Ora passiamo a cose serie.

Prima di tutto, direi di parlare un attimo delle performance. Oramai il mio PC sta iniziando a soffrire molto dal lato CPU e memoria, troppo lenti. A 1920x1080 con impostazioni su "high" il gioco oscilla tra i 40 ed i 60 fps a seconda della situazione, con la mia GTX 970 in generale sottoutilizzata. Il processore invece è usato tra l'80 ed il 100%. Mettendo un cap a 30fps via driver o Rita Tuner la situazione si stabilizza. Per chi ha sistemi un po' più moderni, o con più overclock del mio vetusto Sandy Bridge direi che non ci dovrebbero essere troppi problemi a giocarselo a 1080@60. 

Ora, il gioco tecnicamente riesce a stupire in entrambi i sensi. Partiamo subito dal lato peggiore. I personaggi sembrano fermi ad una generazione fa. Con i soldi di EA ed i risultati ottenuti con il Frostite in altri franchise come Battlefield 1, uno poteva aspettarsi di meglio. Poi però si ricorda che si sta parlando di Bioware e quindi tutto nella norma. I volti degli umani sono un po' antichi, con animazioni alquanto scarse, ma la cosa che forse colpisce di più è che ancora una volta hanno usato il loro editor del cazzo per generare tutti gli NPC che non siano vostri compagni, portando ad una piattezza generale dei vostri interlocutori. Onestamente il risultato ottenuto è peggio che in Inquisition a mio avviso. Anche le animazioni sono super legnose, con i personaggi con braccia robotiche e con camminate un po' strane. In un gioco dove dobbiamo stare a guardare i personaggi durante i lunghi dialoghi non è proprio il massimo.

In battaglia questo cambia. Le animazioni migliorano sensibilmente ed in generale comunicano un senso di fluidità. Ancora, nulla di eccezionale, ma fanno meno strano.

Il lato positivo dell'aspetto visivo riguarda invece tutto il resto, ovvero le ambientazioni ed il design delle stesse. Sono rimasto molto compiaciuto dagli ambienti. E la Tempest è una dio di nave, per me superiore alla Normandy. La nuova mappa galattica poi è al cardiopalma. Invece di essere un menu, hanno pensato di renderla uno spazio 3D interattivo, con la vostra nave che si muove in prima persona, in modo da mostrare al giocatore il viaggio all'interno del sistema solare. Bellissimo. Peccato che sia di un lento atomico e che non sia possibile saltare le animazioni. 

Ora, il gioco si divide in diciamo 3 parti. Esplorativa, Combattiva e Narrativa.


Partiamo con la prima. L'esplorativa consiste insomma nell'andare in giro per le ambientazioni attivando parti narrative o combattive. Ci sono però delle meccaniche specifiche di questa zona. Ora Mass Effect è diventato un platformer grazie al jetpack ed un Metroid Prime grazie alla funzione scanner, utile per ottenere risorse nell'ambiente e risolvere semplici "puzzle" ambientali del tipo "trova sta roba".


L'idea dello scanner è ripresa dalla meccanica che usò Shepard nella missione del DLC di Kasumi in Mass Effect 2, meccanica poi sparita per sempre per tornare in Andromeda. La parte platforming è abbastanza semplice ed è messa là solo perché i programmatori di Bioware hanno finalmente scoperto nel 2017 cosa sia la verticalità.
Andare in giro con il Nomad, il nuovo veicolo è tutto sommato carino, ma si sente troppo la sindrome di andare da punto A a punto B. Poi il gioco è in generale pieno di piccole cose che ti fanno dire: ma perché? Cioè il nomad ha due modalità di funzionamento: una 4 ruote motrici per alta velocità ed una a 6 ruote motrici per maggior trazione. Perché includere una cosa del genere? Non bastava farlo andare sempre ovunque? A cosa serve effettivamente la pressione del tasto? Cosa aggiunge? 

È un mix un po' tedioso, ma le viste sono molto belle. Per ora però non ho trovato alcuna meccanica troppo invasiva. Né la pericolosità dell'ambiente, né lo scanning, che io ho trovato giusto e non eccessivo. Ma ero uno di quei tizi che girava col visore scan costantemente in Metroid. Solo, aggiunge relativamente poche informazioni, demandandole quando può al Codex. Potevano farci di più secondo me.

Il combattimento invece posso dire che sia semplicemente migliorato. Molto più fluido, con il jetpack che aiuta un sacco con il movimento, con alcune coperture distruttibili e generalmente integrate nell'ambiente visto che ora ogni cosa che possa sembrare utile per coprirsi svolge questa funzione. Pensavo che la copertura automatica e non a comando fosse scomoda come quella dell'1, invece funziona molto bene, mai avuto un problema o un bug ad ora. Le abilità del personaggio sono un fottio, i profili sono un buon modo per dare flessibilità... insomma, mi ha convinto appieno.




La parte narrativa invece è un po' debole se così possiamo dire?

Ora in giro si leggono tante cose negative al riguardo. Mi sto domandando il perché. Spero sia dovuto al fatto che giochi come Witcher 3 ed i vari Pillars abbiano un po' aperto la mente alla gente con la loro scrittura nettamente superiore, ma Andromeda mi sembra in pieno stile Bioware, cioè altalenante e con problemi di ritmo ma fantastico world building.

Come un po' tutti i giochi Bioware degli ultimi anni credo a parte Dragon Age Origins, il gioco parte un po' uno schifo a livello di ritmo. Si arriva in Adromeda, ci si ritrova circondati di personaggi ai quali ancora non si è formata una connessione e bum situazione pericolosa ah ma comunque tu protagonista sei il "prescelto" ora vai e sistema tutto. Il protagonista inoltre ha una personalità predefinita ancora più di Shepard per così dire. Scott Ryder (se lasciate il nome base verrà chiamato Scott nei dialoghi tra l'altro) è un po' cazzone, mentre Sarah Ryder è un po' più seria. Hanno un background diverso e sono già definiti. Al giocatore è data libertà di come farli rispondere alle situazioni. Il problema è che nella prima parte dell'avventura, dopo l'inizio ipercompresso, non succede un emerito cazzo. I protagonisti ed il giocatore sono spaesati in un posto che non conoscono e devono mettere insieme i pezzi. Non c'è stato ancora tempo per immergersi nei millemila dialoghi che ogni personaggio della ciurma avrà su questioni esistenzialiste oppure su cosa prova mentre va a fare la cacca. La storia non è neanche partita. A me personalmente ha incuriosito abbastanza da spingermi ad andare avanti, perché c'è del potenziale, c'è mistero e c'è un po' di voglia della scoperta in me.
E perché voglio il krogan in squadra.

Ho fatto anche qualche sidequest, e mi sembrano tutto sommato in linea con la saga. Si risolvono gironzolando e scannerizzando ed a colpi di dialoghi, ma richiedono poco cervello da parte dell'utente. Più interessanti forse i "puzzle" ambientali beceri di segui la linea che scannerizzo.


Il problema forse maggiore c'è per i nuovi arrivati che si ritrovano sovraccaricati di informazioni, molte delle quali inutili. Il primo Mass Effect iniziava con tutti umani ed un Turian. C'erano dialoghi e tempi per introdurre ogni elemento del background, lasciando le cose ovvie a volti familiari della propria specie. Qui invece è tutto un "Krogan, Salarian, Turian, Umani, mille anni di storia e conflitti interni" ah e comunque devi anche pensare alla roba nuova di questa galassia. 


Alla prima menzione di geth, quarian, drell noi fan di vecchia data capiamo tutto subito. I nuovi arrivati non ho proprio idea di come possano fare.



In generale Andromeda mi sembra come un gioco messo insieme prendendo elementi a caso da tutti i Mass Effect sperando di uscirne con un prodotto superiore, ma è costellato di imperfezioni in ogni angolo. I menu sono un aborto, ci sono troppi tasti da premere per fare conferme, il Mako 2.0 con le modalità di trazione, la mappa stellare bellissima ma funzionalità nulla, le ambientazioni fantastiche ma i personaggi fermi nell'epoca 360/PS3, la raccolta delle risorse è pallosa, è imballato di roba tra crafting ricerca e sviluppo tutte di dubbia utilità, si potrebbe andare avanti per un po'. Poi però vai in giro col jetpack arrampicandoti un po' ovunque, il combattimento è bello, prende e personalmente ho quel senso di "voglio capire che cazzo sta succedendo, fatemi andare avanti".


Poi inizi a parlare con i compagni di squadra. Cora con il suo latente risentimento verso la tua posizione di Pioniere, il suo passato avventuroso militare, il suo essere fuori posto. La turian Vetra Nix, anche sembra interessante con tantissime palle, ma anche un lato soffice con la sorella. E poi c'è Liam che è Jacob 2.0, ma sembra che i personaggi inutili non possano non esserci.

Io però voglio andare avanti. Questa prova che ho fatto non mi ha portato a "non lo compro, più, aspetto che si trovi a 5€ in offertona l'anno prossimo". Lo voglio subito perché devo andare avanti, che in cazzo di 6 ore avrò visto neanche la punta dell'iceberg. Nella speranza che ci sia qualcosa di effettivo sotto. Ma sembra esserci. Forse si nasconde solo molto bene.

Stay Classy, Internet.

Nessun commento:

Posta un commento